Giuseppe Antonelli a Le Lingue in Fiera


 

“Le lingue in fiera”, evento dedicato alle lingue nato nel 2018, giunge alla seconda edizione.

Nato dalla produttiva collaborazione tra il comitato di Rovigo della Società Dante Alighieri (Presidente Prof.ssa Mirella Rigobello) e la sezione di Rovigo di ANILSAssociazione Nazionale Insegnanti Lingue Straniere (Presidente Dott.ssa Benedetta Garofolin), quest’anno ha ospitato, con buon successo di pubblico, sabato 12 ottobre il Professore Francesco Sabatini che ci ha fatto riflettere sul tema “Solo la scuola può salvare l’italiano”.

Nella stessa giornata erano presenti anche il Dott. Alessandro Masi, Segretario Generale della Società Dante Alighieri con un intervento dal titolo “Il mondo in italiano: globalizzazione e umanesimo. La lingua e la cultura italiane quale modello di cultura includente a livello mondiale” e il Dott. Giacomo Pierini, direttore marketing di ALMA edizioni il quale ha presentato “Le novità editoriali di ALMA edizioni per il 2019 – 2020”.

Giuseppe AntonelliLa seconda giornata si terrà sabato 12 ottobre dalle 17.00 e vedrà presente il Professore Giuseppe Antonelli, docente ordinario di storia della lingua italiana presso l’Università di Pavia. Egli collabora anche all’inserto “La lettura” del Corriere della sera e racconta storie di parole su Rai Tre. A “Le lingue in fiera” ci condurrà attraverso “Il museo della lingua italiana: breve visita guidata”, uno dei sui ultimi progetti.

A seguire verrà presentata la Borsa di studio SIC – Sogno Italiano Cercasi, una borsa di studio internazionale promossa dalla Clinica Biscaro – Poggio di Adria e dal Comitato di Rovigo della Società Dante Alighieri.
Gli incontri si tengono alla Pescheria Nuova a Rovigo e sono rivolti a tutta la cittadinanza.

Esame B1 per la cittadinanza: cosa bisogna sapere


Da dicembre 2018 secondo la Legge n. 132 del 1/12/2018, coloro che inoltrano la domanda per l’ottenimento della cittadinanza italiana devono esibire una certificazione di competenza della lingua italiana di livello B1. Riceviamo molte telefonate con richiesta di chiarimenti a riguardo. Ecco le risposte alle domande più comuni:

Devo fare l’esame anche se sono in Italia da molti anni?

, perché la legge è in vigore a tutti gli effetti ed esclude solo coloro che otterranno la cittadinanza in quanto discendenti da avo italiano emigrato in Paesi ove vige lo ius soli (per maggiori informazioni consultare il sito del Ministero degli Esteri).

La certificazione B1 e la frequenza ad un corso B1 sono la stessa cosa?

No. Per ottenere la certificazione si deve sostenere un esame. Se si frequenta un corso di lingua, alla fine non si può ricevere un certificato. L’esame è l’unica procedura per ottenere la certificazione richiesta dalle autorità italiane per l’ottenimento della cittadinanza. Attenzione, quindi, alle false informazioni che talvolta girano sul web o con degli errati passaparola che affermano che basta frequentare “questo o quel corso” per 2 settimane per ottenere la certificazione.

Posso fare l’esame senza frequentare un corso?

. L’iscrizione all’esame non obbliga alla frequentazione di un corso, tuttavia poiché l’esame B1 non è così facile come sembra, è fortemente consigliabile frequentare un corso prima di sostenere l’esame, in modo da essere più sicuri di superarlo con successo. Molti candidati non seguono questo consiglio e si ritrovano poi ad avere delle difficoltà nello svolgimento dell’esame. Il Comitato di Rovigo della Società Dante Alighieri organizza corsi B1 in preparazione all’esame (qui tutte le informazioni).

La Società Dante Alighieri rilascia una certificazione riconosciuta dalle autorità che concedono la cittadinanza italiana?

. Il nostro esame di chiama PLIDA (Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri) e si svolge in diverse date all’anno, uguali in tutto il territorio italiano. La prossima data di esame per l’anno 2019 è il 20 novembre.

Come ci si iscrive all’esame che si svolge nella sede di Rovigo?

Telefonare al 346 0959561 (LU-VE dalle 9.30 alle 14.30 e dalle 17.00 alle 19.00) o inviare una mail a: plida@ladanterovigo.it per ricevere tutte le informazioni su tempi e modalità d’iscrizione.

Lingue in Fiera – II Edizione


la dante_lingue in fiera 2019_locandina

In una società sempre più multiculturale e plurilingue, in cui la mobilità degli individui, sia fisica, sia virtuale, ha raggiunto livelli impensabili fino anche a soli pochi decenni fa, assume sempre maggiore importanza l’incontro e il confronto con lingue e culture diverse. È a partire da questa consapevolezza che è nato Le Lingue in Fiera, un’iniziativa che si inserisce nell’ambito delle manifestazioni dell’Ottobre Rodigino, ideata e diretta da Matteo Santipolo (professore ordinario di Didattica delle lingue moderne presso l’Università di Padova), promossa dalla Società Dante Alighieri, Comitato di Rovigo, da ANILS (Associazione Nazionale Insegnanti Lingue Straniere) – sezione di Rovigo, e con il patrocinio del Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università degli Studi di Padova e dell’Accademia dei Concordi di Rovigo.

Il suo scopo è quello di costituire una sorta di “contenitore” in cui verranno presentate mostre, conferenze, progetti che hanno come oggetto le lingue in senso lato. Durante questa seconda edizione si affronteranno due viaggi, l’uno all’interno della vita linguistica di ogni individuo e l’altro all’interno della lingua italiana.

Sabato 5 ottobre saranno presenti Alessandro Masi e Francesco Sabatini. Alessandro Masi, segretario generale della Società Dante Alighieri, affronterà il tema della diffusione dell’italiano nel mondo attraverso la rete capillare della Società Dante Alighieri mentre Francesco Sabatini presenterà un viaggio all’interno della vita di una persona da un punto di vista linguistico. Il professore ha elaborato uno schema suddividendo la vita di un individuo in tre fasi. Durante queste tre fasi, il soggetto deve formulare dei programmi per lavorare sulla propria dotazione linguistica. I tre periodi sono: 0-19 anni; 19-25/26 anni; 25/26 anni in poi ma indicativamente fino ai 35/40 anni. Tale schema è utile per focalizzare le scelte linguistiche di una persona affinché non venga sacrificata la padronanza della lingua materna che talvolta passa in secondo piano.

Sabato 12 ottobre Giuseppe Antonelli illustrerà il suo ultimo progetto “Il museo della lingua italiana: breve visita guidata“. Durante la seconda giornata si affronterà un viaggio all’interno del museo dedicato alla nostra lingua, un museo composto da quindici sale su tre piani corrispondenti all’italiano antico, moderno e contemporaneo. Questo viaggio aiuterà i partecipanti a cogliere i cambianti che stanno caratterizzando la nostra lingua ritrovando tracce della nostra storia nelle tradizioni locali e negli scambi con le altre lingue.

Biografie

Alessandro Masi è storico e critico dell’arte e giornalista italiano. Dal 1999 ricopre l’incarico di Segretario Generale della Società Dante Alighieri, Presidente CLI (Certificazioni Lingua Italiana di Qualità).Autore di numerosi saggi storici sull’arte e la cultura italiana, ha pubblicato di recent per i tipi Mursia, il volume “Idealismo e opportunismo della cultura italiana. 1943-1948

Giuseppe Antonelli è un filologo e linguista italiano. È professore ordinario di Linguistica Italiana presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Pavia. È ospite fisso della trasmissione di Rai Tre “Alle falde del Kilimangiaro”.

Francesco Sabatini è un linguista, filologo e lessicografo italiano. È presidente onorario dell’Accademia della Crusca, di cui è stato Presidente dal 2000 al 2008, e professore emerito dell’università degli Studi Roma Tre. È ospite fisso di Uno Mattina in Famigli (Rai Uno) con “Pronto soccorso linguistico”.

Matteo Santipolo è professore ordinario di didattica delle lingue moderne presso l’Università degli Studi di Padova, membro del comitato scientifico operativo della Società Dante Alighieri, membro del consiglio nazionale di ANILS, vicepresidente di DILLE (Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa) e Segretario Generale di FIPLV (Fédération Internationale des Professeurs de Langues Vivantes –International Federation of Language Teacher Associations).

Giacomo Pierini è Direttore marketing di Alma Edizioni.

Incontri con Sandro Caruana


Incontri con Sandro Caruana

Tra italiano, Malta e glottodidattica

Il Prof. Matteo Santipolo Università degli Studi di Padova, in occasione di una visita alla Società Dante Alighieri Comitato di Rovigo è lieto di presentare il Prof. Sandro Caruana, Ordinario di Glottodidattica e di Linguistica applicata all’Università di Malta, in due incontri del 26 e 27 settembre 2019 presso la Sala degli Arazzi dell’Accademia dei Concordi di Rovigo.

  • L’Italiano a Malta: diacronia e sincronia
    Giovedì 26 settembre 2019 alle ore 17.00
  • Insegnare italiano a stranieri: dalla sociolinguistica alla glottodidattica
    Venerdì 27 settembre 2019 alle ore 17.00

Prof. Sandro Caruana – Biografia

Sandro Caruana è Professore Ordinario di glottodidattica e di linguistica applicata all’Università di Malta. È stato preside della Facoltà di Scienze dell’Educazione dal 2015 al 2019 e direttore del Department of Languages & Humanities in Education dal 2010 al 2017. Tra le sue aree di specializzazione vi sono la glottodidattica, la sociolinguistica, la linguistica italiana contemporanea e la comunicazione interculturale.

La sua ricerca comprende lavori sull’elemento romanzo nel maltese, la didattica dell’italiano come lingua straniera, la commutazione di codice in contesti bilingui e multilingui e la formazione pedagogica degli insegnanti. Ha pubblicato i suoi lavori in varie riviste accademiche specializzate e li ha presentati, a volte in qualità di relatore su invito, in convegni in Italia e in altri paesi europei. Collabora da anni con numerose università italiane, sia come docente su invito sia come esaminatore di tesi dottorali nel campo della linguistica e della glottodidattica.

Queste collaborazioni gli hanno permesso di potenziare i rapporti istituzionali tra gli atenei italiani e quello maltese, e molti docenti e studenti ne hanno usufruito tramite scambi Erasmus. Nel 2018 gli è stata conferita l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia, per il rilevante contributo alla promozione della cultura italiana e al rafforzamento delle relazioni tra Italia e Malta.

Locandina Caruana

Corsi B1 per l’esame per la cittadinanza italiana


mauricio-artieda-h7WxFNO3MNY-unsplash

Vuoi diventare cittadino italiano?

Con l’entrata in vigore della Legge n. 132 del 1/12/2018, da quest’anno le persone che richiederanno la cittadinanza italiana saranno chiamate a dimostrare la conoscenza dell’italiano presentando un certificato di competenza linguistica di livello B1. Il Certificato PLIDA B1 è fra i titoli idonei a questo scopo.

Sono aperte le iscrizioni ai corsi per prepararsi all’esame B1. I corsi inizieranno a settembre.

Per maggiori informazioni contattare il 346 0959561 (LU-VE 9.30-12.30/17.00-19.00) o inviare una mail a plida@ladanterovigo.it

OPV: stagione concertistica 2019-2020


OPV stagione 2019-2020

Nel mese di giugno è stata presentata a Padova la nuova stagione concertistica 2019-2020 dal titolo “Prismi” a firma di Marco Angius.

Stagione che si articolerà in appuntamenti tra il Settecento musicale e i giorni nostri, attraverso l’integrale sinfonica di Brahms, i concerti per i 250 anni della nascita di Beethoven, prime assolute, nuove commissioni e alcune rarità. Ancora più vantaggiose le formule di abbonamento Intero e Under 35, che includono un concerto in più rispetto alle passate Stagioni mantenendo invariato il costo.

Indubbiamente si tratta di una stagione di grande bellezza e suggestione arricchita da solisti e direttori di fama internazionale.

Ciclo Intero

  • € 180: 13 concerti
  • € 170: 13 concerti, tariffa riservata agli abbonati della stagione precedente
  • € 50: 13 concerti, Under 35

Come per gli anni precedenti il pullman gratuito viene concesso in funzione del numero dei partecipanti.

Le sottoscrizioni agli abbonamenti sono già aperte e sono valide anche per amici e simpatizzanti. Vi preghiamo di confermare la vostra adesione entro il 12 settembre p.v.

  • effettuando il versamento tramite bonifico bancario: IBAN – IT92B0306909606100000133393
  • informando il nostro ufficio via e-mail o telefonicamente. Cell. Presidente: 340 8385517, e-mail: ladante.rovigo@gmail.com

Qui di seguito riportiamo il programma completo. Per sfogliare le pagine basta cliccare sulle frecce in basso a sinistra:

opv_54a_stagione_concertistica_booklet

La Giornata della Dante 2019


Celebrazioni per la Giornata della Dante il 31 maggio

Venerdì 31 maggio 2019 il nostro Comitato in collaborazione con il Gruppo Giovani presenterà agli studenti delle Scuole Superiori della città all’Auditorium del Liceo Scientifico P. Paleocapa “Tautogrammi telegrafici e terapeutici per teenager” a cura di Walter Lazzarin.

Nel pomeriggio prosegue la celebrazione presso Palazzo Roncale  dalle ore 17.30 con lo spettacolo “Mitico! da Omero a Homer Simpson” scritto e interpretato da Walter Lazzarin e Marcello Ubertone con intermezzi da parte del Gruppo Giovani del nostro Comitato.Giornata della Dante 2019 Mitico

La giornata della società Dante Alighieri della sezione di Rovigo quest’anno propone la partecipazione di due ospiti d’eccezione, due talenti affermati nel mondo della scrittura e della musica: Walter Lazzarin e Marcello Ubertone.

Walter nasce a Padova nel 1982, consegue due lauree, rispettivamente in Economia Aziendale ed in Filosofia; pubblica diversi romanzi tra cui ‘Il drago non si droga’, opera uscita nel 2015 che lo farà conoscere al grande pubblico. Partecipa alla trasmissione ‘Dribbling’ su Rai2 dal 2016 al 2017. Nel 2016 comincia inoltre il suo progetto ‘Scrittore per strada’ in cui viaggia per tutta Italia con la sua macchina da scrivere incuriosendo il pubblico con i suoi tautogrammi ed avvicinandolo sempre più alla passione per la narrazione.Giornata della Dante 2019 Lazzarin Ubertone

Marcello, anche lui classe ‘82, nel 2006 si laurea in Lettere (linguaggi e tecniche di scrittura) e nel 2009 in Televisione, cinema e produzione. Cantautore, scrittore di libri musicali, sceneggiatore di cortometraggi e radiodrammi, Marcello ora scrive la sceneggiatura per una serie televisiva della RAI.

Il 31 maggio, al mattino, Walter terrà un laboratorio di scrittura e sui tautogrammi a contatto con gli studenti delle scuole superiori. Nel pomeriggio i due ospiti presenteranno lo spettacolo da loro scritto ed interpretato, tra musica e parole, con l’inserimento di sketch teatrali condotti da alcuni ragazzi del comitato giovani della società Dante Alighieri.la dante_giornata dante 19_locandina

Correzioni urgenti degli esami PLIDA C1 e C2


Correzioni urgenti degli esami PLIDA C1 e C2

Comunicazione urgente per tutti i Centri Certificatori PLIDA

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha recentemente inserito nel bando di concorso per le Scuole di specializzazione dell’Area Sanitaria (Medicina), Concorso SSM 2018-2019, l’obbligo per i candidati stranieri di presentare certificati PLIDA C1 e C2.

Per agevolare i candidati e permettere loro di partecipare al bando del MIUR sono state predisposte di concerto con il MIUR delle procedure speciali di correzione urgente delle prove di tutti i candidati interessati al bando che si iscriveranno agli esami PLIDA C2 di maggio e C1 di giugno.

Per informazioni e iscrizioni telefonare al 346 0959561 (LU-VE 9.30-14.30/17.00-19.00).

Capire le lingue oltre la lingua


La Dante Rovigo propone il ciclo di incontri “Capire le lingue oltre la lingua”, dedicato a questioni linguistiche e comunicative.

Direzione scientifica: Matteo Santipolo (Università di Padova)

La complessità della società contemporanea trova nelle questioni linguistiche da un lato una cartina di tornasole e dall’altro un potenziale fattore di sviluppo. Il legame tra lingua e società è inscindibile e comprenderne il rapporto può aiutare a capire in profondità il mondo in cui viviamo.

Con questo ciclo di incontri ci si propone di affrontare alcuni dei temi oggi più sentiti e dibattuti anche al di fuori della ristretta cerchia degli esperti, ma per farlo ci si avvarrà del contributo di chi invece di tali problematiche si occupa in maniera scientifica.Capire le lingue_locandina_marzo 2019

Primo incontro

Ministra no, maestra sì. La questione della ‘lingua al femminile’ tra norma e uso nell’italiano.

L’uso del femminile in ampi settori della comunicazione si va sempre più affermando: negli ultimi anni in cui abbiamo monitorato la sua evoluzione abbiamo verificato sulla stampa, nella televisione, in rete, nell’uso comune e pubblico una promettente diffusione del femminile ‘corretto’.

Al contempo però perdurano molte perplessità e incertezze che derivano da motivazioni difformi. A partire dalle Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana (1987) di Alma, l’intervento intende proporre una riflessione sugli ostacoli e le resistenze che, a distanza di decenni, consentono il persistere di rappresentazioni stereotipate e di modalità comunicative capaci di generare discriminazione.

Fabiana Fusco, laureata in Lingue e Letterature straniere all’Università di Udine, ha trascorso dei periodi di formazione e di ricerca in diverse sedi (tra cui le Università di Macerata, per il corso di dottorato, Zurigo e Graz per i corsi di specializzazione). Insegna all’Università di Udine a partire dal 1996 nel settore scientifico disciplinare Glottologia e Linguistica (L-LIN/01) prima come ricercatrice, poi dal 2005 come professoressa associata e dal 2016 come professoressa ordinaria.

Dall’a.a. 2013/14, è Prorettrice alla didattica dell’ateneo udinese; dal 2016 Direttrice Vicaria del Centro Internazionale sul Plurilinguismo dell’ateneo udinese.

I suoi principali interessi di ricerca si possono ricondurre ai seguenti filoni:

  • osservazione dello spazio sociolinguistico italiano e friulano in tutte le sue dimensioni e con particolare attenzione alla variazione sociale;
  • approfondimento sul plurilinguismo, l’educazione plurilingue e le minoranze linguistiche nel territorio friulano, incluse le cosiddette ‘nuove minoranze’, quale componente essenziale del plurilinguismo urbano);
  • studio della correlazione tra traduzione e interferenza linguistica con analisi ‘applicative’ nei vari settori della traduttologia (doppiaggio, fumetto e ritraduzione).

Svolge inoltre attività didattica nell’ambito dell’educazione plurilingue e dell’italiano come L2 presso varie istituzioni italiane ed estere e consulenza linguistica sui temi della parità di genere presso i CUG di enti locali e amministrazioni pubbliche.

Secondo incontro

Cinque lingue in un colpo solo! Come imparare a comprendere più lingue in pochissimo tempo: i percorsi dell’intercomprensione.

Partendo dalla constatazione che gran parte dei contesti sociali sono multilingui e/o plurilingui, le riflessioni in ambito di linguistica educativa e di didattica del plurilinguismo hanno da anni messo in evidenza l’importanza della valorizzazione del bagaglio linguistico di ciascun individuo, fatto di competenze diversificate di varietà linguistiche diverse.

In questo quadro si inserisce l’intercomprensione, che è una forma di comunicazione in cui i partecipanti all’interazione condividono la lingua solo parzialmente. Negli ultimi venti anni si è consolidato l’interesse per l’intercomprensione, vista come una porta di accesso verso il plurilinguismo, e per i meccanismi che permettono di apprenderla e insegnarla.

In questo contributo si intende presentare lo stato dell’arte in questo ambito, illustrando in particolare le nuove vie della ricerca e della didattica. Più specificatamente, si cercherà di:

  • Illustrare alcune fra le principali metodologie per l’insegnamento dell’intercomprensione
  • Darne una dimostrazione pratica attraverso la metodologia EuRom5
  • Riflettere sulla portata politica di questo approccio didattico

Elisabetta Bonvino ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Linguistica presso École Pratique des Hautes Études (Parigi).

È Professore Ordinario di Didattica delle lingue moderne presso l’Università Roma Tre. Dirige il Centro Linguistico di Ateneo e l’Ufficio della Certificazione dell’italiano L2. È Presidente della Società di Didattica delle lingue e linguistica educativa (DILLE).

Fra i suoi ambiti di ricerca: l’intercomprensione tra lingue romanze e le sue applicazioni didattiche, l’analisi del parlato in L1 e L2, lo sviluppo delle abilità ricettive, la valutazione delle competenze linguistiche.

Terzo incontro

L’Italia e la Galizia a confronto: il Cammino, la lingua, la cultura.

la dante_capire le lingue_3_locandinaL’intervento si propone di illustrare tratti comuni e distintivi fra l’Italia e la Spagna, centrando l’attenzione in particolare sui fattori linguistici e culturali. In un secondo momento ci si rivolgerà soprattutto all’area Nord-occidentale della Spagna, la Galizia e Santiago de Compostela, meta di un importante itinerario di pellegrinaggio religioso, che nel corso dei secoli ha rappresentato un vettore fondamentale di scambio culturale fra Italia e Spagna.

Nato il 31 maggio del 1963 a Londra, Benedict Buono ha conseguito la maturità presso il Liceo Classico “Sociale” di Torino. Si è laureato cum laude in Filologia italiana presso l’Università di Torino con una tesi sul Milione di Marco nella redazione latina del manoscritto zeladiano di Toledo.

Si è quindi addottorato cum laude  con una tesi sulla tradizione grammaticale italiana in Piemonte nel Rinascimento presso l’Università di Santiago de Compostela (Spagna), dove attualmente insegna Storia della lingua.italiana. Dal  2014 è Direttore del Dipartimento di Filologia Classica, Francese e Università dell’Università di Santiago de Compostela. È membro del Consiglio Direttivo della Società degli Italianisti Spagnoli (SEI).

Ha tenuto corsi, seminari e conferenze in diverse università spagnole, francesi e italiane. È stato Visiting Professor presso la facoltà di Lettere e Filolofia dell’Università Roma Tre (2012). È membro di Comitati Scientifici di riviste di italianistica italiane ed internazionali.

I suoi principali ambiti di ricerca riguardano la storia della lingua italiana (in particolare in epoca rinascimentale e ottocentesca), il petrarchismo settentrionale nel Cinquecento, la didattica delle lingua in prospettiva storica e la lessicografia bilingue in Italia e in Spagna.
È autore di numerose pubblicazioni scientifiche (tra monografie, articoli e recensioni) in sedi nazionali ed internazionali.

Nel 2012 ha vinto il primo premio di poesía Laurentum (sezione Italiani nel mondo) e nel 2014 ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie dal titolo Esule ovunque. Dal 2019 è socio corrispondente dell’Accademia dei Concordi di Rovigo.

Il Thesoro di Luigi Groto


Il Thesoro: la rilettura innovativa di una commedia del ‘500

Martedì 12 marzo alle ore 17,30 a Palazzo Cezza Sala degli Stucchi Antonio Lodo e Gianni Sparapan presenteranno “Il Thesoro” di Luigi Groto

Quella che si presenta è una interessante, curiosa “rilettura” della commedia cinquecentesca Il tesoro, di Luigi Groto, il Cieco d’Adria. Viene rievocata la vicenda di un intreccio classico delle opere del tempo (il giovane che desidera una giovane sposata a un vecchio ottuso e avaro, col contorno di figure e macchinazioni varie tipiche del genere), con tratti di originalità quali per esempio l’ambientazione (Adria stessa, con elementi realistici descritti in forma critica e satirica), i cenni autobiografici ironici, i personaggi tradizionali (in particolare la giovane Licinia).

Alla presentazione della commedia, originariamente in lingua italiana, si accompagna quella della trasposizione “in veneto rustico” operata da Sparapan, con le caratteristiche e gli adattamenti linguistici del caso. Raccontano e leggono alcune parti Antonio Lodo e Gianni Sparapan.

Luigi Groto (o Grotto) fu letterato, tragediografo, commediografo e rimatore. Nacque ad Adria l’8 settembre 1541 e morì a Venezia il 13 dicembre 1585. Appartenne a famiglia nobile e fu cieco dalla nascita, per questo venne chiamato Il Cieco d’Adria. Studiò intensamente guidato dal napoletano Scipione Gesualdo de’ Belligni. Precocissimo per cultura ed ingegno, a soli 14 anni pronunciò due fra le sue più note Orazioni, per la regina Bona di Polonia e per l’elezione al dogato di Lorenzo Priuli. Scrisse due tragedie, tre commedie e due drammi pastorali, carmi latini e rime varie, anche amorose, e tradusse in volgare opere antiche, tra le quali il primo libro dell’Iliade.

Fu membro, con il titolo di principe, dell’Accademia degli Illustri di Adria e fu frequentatore dell’Accademia degli Addormentati di Rovigo. Nel 1567 dovette subire un processo per eresia a Rovigo e, riconosciuto colpevole di aver letto testi di Erasmo da Rotterdam, Agrippa di Nettesheim, Bernardino Ochino – tutti autori proibiti – nonché di aver professato opinioni antitrinitarie, fu costretto alla pubblica abiura e venne escluso dall’insegnamento.