Canto per Canto: manuale dantesco per tutti


Apertura dell’anno sociale 2018

In occasione dell’apertura dell’anno sociale 2018 del nostro Comitato, martedì 23 gennaio alle ore 17.00 nella Sala degli Arazzi di Palazzo Roncale, il Prof. Aldo Onorati, poeta e scrittore, presenterà

“Canto per Canto: manuale dantesco per tutti”

canto per cantoCanto per canto di Aldo Onorati è la prima nave che salpa dal nostro piccolo porto di Palazzo Firenze per affrontare la sfida della divulgazione della cultura italiana classica, componente fondante della nostra identità. Divulgare è un’avventura, ma in fondo anche un dovere, che vorremmo infinito, non finito, e dunque duraturo, una “enciclopedia infinita”, un’azione che non si ferma, in quanto necessaria trasmissione dei dati di generazione in generazione.
Divulgare vuol dire chiedere agli studiosi, agli accademici, agli intellettuali, ai sapienti, ai maestri, agli insegnanti di offrire chiavi di lettura per tutti. E dunque questo è un “manuali per tutti” ma senza perdere il contatto con l’alta cultura.
Divulgare non è tradire. Divulgare non è tradurre. È, al contrario, accogliere sulla nave tanti viaggiatori in più. Se noi non sentissimo più il dovere di divulgare, vorrebbe dire che la postdemocrazia, con il suo sottile autoritarismo, ha già vinto, vorrebbe dire che ci siamo già arresi alle identità frammentate, agli individui senza radici, scaraventati come vuole la divisione del lavoro capitalistico; in sintesi, ci saremmo già arresi a vivere in comunità spezzate e rese materia inerte […]”

Dalla prefazione di Paolo Peluffo

la dante_canto per canto_locandina

Lo scovatesori: corso di scrittura creativa e didattica della scrittura


writing photo

Corso di scrittura creativa e didattica della scrittura rivolto ai Docenti delle Scuole di I e II Grado

Progettazione e conduzione a cura di Barbara D’Annunzio e Ivano Porpora

Nei giorni 23, 24 e 25 marzo 2018 si terrà presso la Sala degli Arazzi di Palazzo Roncale, Piazza Vittorio Emanuele di Rovigo un corso dedicato allo sviluppo dell’abilità scrivere in italiano lingua materna.
Il corso intende offrire ai partecipanti un’occasione di confronto relativamente a teorie, metodi e tecniche utili a sviluppare efficacemente la competenza scritta ai vari livelli di competenza.
Durante il corso, Barbara D’Annunzio, esperta di didattica delle lingue e di insegnamento dell’italiano e Ivano Porpora, scrittore, esperto di didattica della scrittura, coinvolgeranno i partecipanti in attività di scrittura funzionale e creativa utili sia a riflettere sul proprio personale rapporto con l’abilità scrivere, sia sulle metodologie adottate e sulla loro declinazione in classe.
In particolare verrà sviluppata una riflessione sulle difficoltà che gli studenti incontrano nello sviluppo del processo di scrittura e su come affrontarli didatticamente.
Si analizzerà la correlazione tra sviluppo delle abilità di lettura e scrittura e tra input e produzione scritta. Infine, verranno proposti spunti di riflessione relativa al rapporto tra scrittura creativa e scrittura funzionale.

Programma e calendario

Venerdì 23 marzo 2018
dalle 15.00 alle 18.00
Qual è la percezione che abbiamo della scrittura? e quale percezione hanno gli studenti della scrittura?
15.00-17.00 laboratorio

È possibile insegnare a scrivere?
17.00-18.00 intervento di discussione teorica

Sabato 24 marzo 2018
9.00-13.00
Leggere per scrivere e scrivere per scrivere.
Per imparare a scrivere bisogna leggere o bisogna scrivere?
Laboratorio
14.00-18.00
Motivare alla scrittura. Come?
Attività e tecniche ispirate all’approccio task-based.
Laboratorio

Domenica 25 marzo 2018
9.00 – 13.00
Laboratorio di giochi narrativi. Avvicinare alla scrittura e alle dinamiche d’interazione i ragazzi con dadi, gomitoli, cartoncini.
Vivere la scrittura su un corpo che cambia.

Docenti

Barbara D’Annunzio
Docente a contratto di didattica delle lingue presso l’Università della Calabria e responsabile del Progetto ADA della Società Dante Alighieri di Roma, ha insegnato italiano in differenti contesti e ordini di scuola per un ventennio, nell’ambito di ricerca si occupa di didattica della lettura e della scrittura in prospettiva plurilingue.

Ivano Porpora
Laureato in Scienze della Comunicazione, dopo aver svolto diversi lavori in diversi settori ha esordito nel 2012 e da allora si è concentrato sull’ambito letterario.
Ha pubblicato due romanzi (La conservazione metodica del dolore, Einaudi 2012 e Nudi come siamo stati, Marsilio 2017), un libro di poesie (Parole d’amore che moriranno quando morirai, Miraggi 2016), una favola per bambini (La vera storia del Leone Gedeone, Corrimano 2017), un libro di fiabe per adulti (Fiabe così belle che non immaginerete mai, LiberAria 2017).
Scrive di fumetti su Scuola di fumetto, tiene corsi di scrittura in giro per l’Italia.

Costo individuale di partecipazione € 50,00

Termine presentazione della domanda entro il 15 febbraio 2018

Scarica qui il modulo d’iscrizione

Gianni Sparapan: “Grammatica della parlata veneta tra Adige e Canalbianco”


La grammatica veneta

Un lavoro di ricerca e di studio mancante in Polesine

Mercoledì 13 dicembre, alle ore 17,00 presso la Sala degli Arazzi di Palazzo Roncale il Prof. Gianni Sparapan presenterà la sua “Grammatica della parlata veneta tra Adige e Canalbianco”.

Gianni Sparapan è un insegnante, scrittore, storico, poeta, giornalista e drammaturgo italiano. Autore di libri storici, poesie, teatro e racconti che hanno valorizzato e fatto conoscere la lingua veneta, soprattutto nella variante polesana. Ha scritto anche libri di grammatica veneta.
Sono numerosi i dizionari dei dialetti della lingua veneta, ma ancora manca il Dizionario veneto che li comprenda, sì da ottenerne un’opera compiuta. Rarissime sono, invece, le grammatiche delle parlate locali, per la cui compilazione bisogna prima passare per i dizionari: prima le parole e poi le regole.
È il processo inverso di quello percorso da ognuno di noi, negli anni dell’acquisizione della lingua madre, che non è mai stata imparata andando a scuola, facendo esercizi, dettati, temi… In Polesine, una Grammatica normativa della parlata veneta mancava.
E questo è stato il lavoro di ricerca e di studio di Gianni Sparapan, “Grammatica della parlata veneta tra Adige e Canalbianco” che ora presenta per conto della Dante Alighieri di Rovigo.

la dante_grammatica veneta_locandina

Note linguistiche e letterarie nei “Quaderni“ di Antonio Gramsci


Venerdì 24 novembre alle ore 17:00, nella Sala degli Arazzi di Palazzo Roncale, il Prof. Antonio Lodo presenterà

Note linguistiche e letterarie nei “Quaderni” di Antonio Gramsci

Nell’ottantesimo anniversario dalla morte di Antonio Gramsci la Dante di Rovigo richiama l’attenzione, attraverso l’intervento del prof. Antonio Lodo, sulle note dei “Quaderni del carcere”, dedicate a considerazioni e giudizi su temi letterari e linguistici. Il tutto inserito in un quadro sulla riflessione storica, politica e culturale del periodo.

Le osservazioni su fenomeni e fatti linguistici, ricche di lucide annotazioni e le originali, nonché acute analisi di scrittori, costituiscono capitoli essenziali del generale ripensamento della nostra storia culturale e sociale.
Gramsci, modello egli stesso di scrittura, individuando il valore essenziale dell’espressione linguistica e letteraria per il rinnovamento sociale, civile e democratico, offre una lezione ancora largamente attuale.

la dante_gramsci_locandina

Andrea De Carlo: il resoconto dei nostri incontri


Andrea De Carlo

Il gruppo giovani si fa conoscere a Roma e continua con gli eventi culturali per la città e le scuole

Mercoledì 8 novembre la Presidente della Società Dante Alighieri Comitato di Rovigo Mirella Rigobello e la Presidente del Comitato giovani della stessa, Federica Zannarini sono state convocate dal Segretario generale, Dottor Alessandro Masi della Sede centrale Dante di Roma, L’obbiettivo dell’incontro era di far conoscere direttamente gli eventi realizzati dal gruppo giovanile e lasciare un messaggio importante: a Rovigo ci sono ragazzi con molta voglia di fare che non hanno paura di mettersi in gioco.

Andrea De Carlo Rovigo
Il segretario generale si è dimostrato orgoglioso del lavoro svolto dalla Dante nella città di Rovigo, città su cui lui punta molto. Poco dopo il termine dell’incontro il Dottor Masi ha pubblicato un post su Facebook dedicato alle due presidenti con una loro foto:

“Giovani si nasce. Oggi una gradita sorpresa! A palazzo Firenze ho conosciuto Federica Zannarini, presidente del gruppo giovanile di Rovigo, accompagnata da Mirella Rigobello, presidente del comitato locale. Che forza questa ragazza! Nei giovani riponiamo le nostre speranze e senza retorica!”

Andrea De Carlo presentazione

Sabato 11 novembre 2017, la Sezione Giovani della Dante Alighieri con il supporto della Presidente Mirella Rigobello hanno avuto il piacere di ospitare il giovane scrittore modenese Andrea De Carlo nella nostra città. Andrea ha presentato,al mattino nell’Auditorium del Liceo Scientifico Paleocapa agli studenti della città e poi il pomeriggio nella “Sala degli Arazzi” di Palazzo Roncale, alla cittadinanza il suo primo libro “Bianca neve” e il suo ultimo lavoro “We Are Modena” con l’intento di fare prevenzione alla droga e altre problematiche giovanili.

Andrea, con i suoi 18 (quasi 19) anni, indipendentemente dall’età del pubblico, ha catturato l’attenzione di tutti i presenti con le sue parole e con decisione e passione ha raccontato la genesi dei suoi progetti passati e le sue intenzioni per il futuro. Parole cardine del suo discorso sono «vuoto» e «giovani». Ci ha tenuto a ribadire che i protagonisti dei suoi libri sono i giovani e che i primi destinatari a cui deve arrivare il messaggio contenuto nelle sue opere, sono sempre i ragazzi. In “Bianca neve” per esempio, ha sottolineato più spesso che la protagonista non è la droga, è la ragazza: Ilaria.

Ilaria entra in contatto con la cocaina perché dentro si sente vuota e cerca di colmare questa sensazione. Quel vuoto che prova il 90% dei giovani a 16/17 anni perché devono dare un rendiconto della loro vita: scuola, passioni, obiettivi. È in questo momento che cercano qualcosa dentro di sé oppure qualcosa al di fuori di sé, che potrebbe non essere sempre buono. Anziché della droga Ilaria, avrebbe potuto diventare vittima dell’alcol oppure dell’esibizionismo sui social. Il problema è che inizialmente tutte queste alternative sembrano una strada aperta perché non se ne vedono gli effetti.

Tutto nasce dunque da una richiesta di aiuto e una mancanza. La mancanza spesso sono i genitori che non ascoltano i propri figli e non sono punti di riferimento per loro. Sono i genitori che non educano al fallimento perché si è esposti ad un mondo che mostra solo l’arrivo e non il percorso, quando invece è quest’ultimo ad essere il più importante.
Andrea spiega che lui è stato fortunato, perché a 17 anni quel vuoto è riuscito a colmarlo con la scrittura e ha sempre trovato un adulto che credesse in lui e nei suoi progetti. Ha capito fin da subito che «investire è rischiare» e che bisogna essere sempre pronti a fallire, ma è da un fallimento che si gettano le basi per il successo. Il suo prossimo impegno è infatti un tour per tutta Italia che gli permetterà di conoscere i vari territori e di arricchire il proprio bagaglio personale.

Quello di Andrea De Carlo e dei giovani della Dante Alighieri è un forte messaggio ai ragazzi non lasciarsi abbattere: si può sempre trovare una soluzione ai propri problemi, che non sia la droga o altri elementi che trascinano nel vortice del nulla e non c’è niente di sbagliato nel commettere errori e fallire, poiché solo questo può renderci più forti di prima per ricominciare.

Vicenza: visita guidata alla mostra dedicata a Van Gogh


van gogh photo

Tra il grano e il cielo: la grande mostra dedicata a Van Gogh

Domenica 3 dicembre 2017 – Vicenza: visita guidata alla mostra dedicata a Van Gogh

Una rassegna immensa, la più grande mai realizzata in Italia con protagonista Van Gogh. Si tratta di un progetto monografico su Van Gogh che vuole raccontare la vita del celebre pittore attraverso 120 opere tra dipinti e disegni provenienti da ogni parte del mondo.

Van Gogh si trasferì a Parigi a 22 anni dove rimase affascinato dall’impressionismo e le stampe giapponesi. Qui conobbe altri grandi artisti come Toulouse Lautrec, Gauguin a cui rimarrà legato per sempre nel bene e nel male.
In seguito si trasferì ad Arles, in Francia, dove fondò una comunità di artisti e il suo talento fu premiato.
Nella sua breve e intensa carriera ha realizzato dipinti che rimarranno per sempre nella storia come “I Girasoli” e “Campo di grano con volo di corvi”, che richiama in qualche modo il colore giallo e il titolo della mostra, mettendo in risalto i colori brillanti da lui utilizzati in contrasto con la sua vita tormentata.

Programma

  • Domenica 3 dicembre ore 14.30 partenza da Rovigo di fronte all’Hotel Cristallo
  • Ore 17.00 visita guidata mostra Van Gogh “Tra il grano e il cielo” (Basilica Palladiana)
  • Al termine della visita trasferimento ad Abano Terme dove staremo assieme per una pizzata nel locale “La scuderia”
  • Rientro a Rovigo previsto per le ore 22.00 circa
  • Costo complessivo € 60,00.

O.P.V. stagione concertistica 2017: ultima occasione per abbonarsi


Giovedì 26 ottobre si aprirà la 52° Stagione Concertistica dell’Orchestra di Padova e del Veneto presso il teatro Pollini di Padova.  È ancora possibile aderire all’abbonamento usufruendo del pullman gratuito.

Costo per i vecchi abbonati: € 170,00

Costo per i nuovi abbonati: € 180,00

Costo per gli under 35 solamente € 50,00

Per maggiori informazioni sull’abbonamento e il programma clicca qui.

Palazzo Roverella: Le Secessioni Europee


Venerdì 27 ottobre presso il Palazzo Roverella – ore 17.00, visita alla mostra

Le Secessioni Europee

Monaco – Vienna – Praga – Roma

L’onda Della Modernità

L’esposizione propone per la prima volta un panorama complessivo delle vicende storico-artistiche dei quattro principali centri in cui si svilupparono le Secessioni –  Monaco, Vienna, Praga e Roma –  attraverso le opere di Gustav Klimt, Franz Von Stuck, Kolo Moser, Felice Casorati, Josef Vàchal, per citarne alcuni.
In mostra dipinti, disegni, litografie, manifesti originali, arredi, sculture, gioielli, arazzi, ceramiche evidenzieranno differenze, affinità e tangenze dei diversi linguaggi espressivi nel primo vero scambio culturale europeo.

Aquileia e Illegio


DOMENICA 1 OTTOBRE 2017 AQUILEIA – ILLEGIO

Partenza da Rovigo Hotel Cristallo – ore 7,30 arrivo ad Aquileia verso le ore 10,00
Ore 10.30 Inizio visita guidata di Aquileia

Aquileia fu fondata dai Romani come colonia militare nel 181 a.C. e fu un grande porto fluviale, importante per commercio e artigianato. Questa città fu devastata da un incendio appiccato dagli Unni comandati da Attila nel 452 d.C.
Gli scavi effettuati ad Aquileia hanno messo in luce i resti di un Foro Romano, di una Basilica, del Sepolcreto, di pavimenti in mosaico e fondazioni di case, di statue della Via Sacra, di mercati, di mura, del porto fluviale, di un grande mausoleo e molto altro ancora.

Ore 13.00 pranzo tipico friulano.

Ore 15.00 partenza per Illegio (Udine) visita guidata alla mostra dal titolo

“Amanti passioni umane e divine”

Cos’è l’amore?
In quell’intreccio benedetto e accidentato, pieno di sospiri incantati e di malinconie struggenti che è la nostra vita, ci domandiamo da sempre cosa sia davvero l’amore, e se ne saremo raggiunti e se ne saremo degni. È la domanda che infiamma i poeti, intriga i filosofi, avvince gli artisti e riassume la divina Rivelazione.
Costo € 85,00 comprensivo di trasporto , 2 visite guidate più ingressi e pranzo.
Al termine della visita partenza per Rovigo.

Le adesioni devono pervenire entro giovedì 21 settembre con le solite modalità.
Presso la nostra sede o con bonifico bancario intestato alla Società Dante
Alighieri – Comitato di Rovigo – Banca Prossima

IBAN IT39F0335901600100000133393