Piero della Francesca a Cà la Ghironda


Piero della Francesca [Public domain or Public domain], via Wikimedia Commons

Visita: domenica 29-05-16

Le adesioni  devono pervenire entro il 15 aprile 2016 passando presso la nostra sede in via Donatoni n. 4 o telefonando alla Presidente Mirella Rigobello (340 8385517).

L’affascinante rispecchiamento tra critica e arte, tra ricerca storiografica e produzione artistica nell’arco di più di cinque secoli è il tema della mostra su Piero della Francesca.

Indagine su un mito. Dalla fortuna in vita  – Luca Pacioli lo aveva definito “il monarca della pittura” – all’oblio, alla riscoperta. Alcuni dipinti di Piero, scelti per tracciare i termini della sua riscoperta, costituiscono il cuore dell’esposizione.

Al termine della visita, trasferimento a Cà La Ghironda, per il pranzo.

Al termine del pranzo, visita al Museo.

Ca’ la Ghironda è un’Area Museale che ha la sua sede a Ponte Ronca di Zola Predosa, nell’hinterland metropolitano di Bologna da cui dista dieci chilometri, ed ospita una collezione d’arte moderna e contemporanea di Pittura e di Scultura.

Il parco, che comprende una “Petite” e “Grande Promenade”, si distende in una vasta area verde di 10 ettari.

La flora è rappresentata in un orto botanico.

Seguendo il dolce percorso collinare si possono ammirare 210 sculture di materiali vari, disposte secondo un percorso espositivo non banalmente cronistorico, dei più significativi maestri della nostra epoca: da Manzù a Zorio, a Messina, a Minguzzi, ecc…

Più di 150 sono le differenti specie di piante locali o naturalizzate che fanno da cornice alle sculture e 15.000 sono quelle presenti nell’intera area, in una armoniosa rappresentazione di equilibrio “…fra arte e natura”.

Viaggio attraverso la Commedia: Paradiso


Philipp_Veit_005

La nostra collaborazione con il Conservatorio F. Venezze di Rovigo prosegue: il prossimo incontro sarà dedicato al Canto X del Paradiso. Esploreremo, attraverso la lettura e la musica, l’ordine del mondo, il cielo del Sole, la corona degli spiriti sapienti, Tommaso d’Aquino e i sapienti della prima corona.

Martedì 12 aprile, presso la Chiesa di Sant’Agostino

Mattino per gli studenti delle scuole superiori

Pomeriggio, ore 16.30, per i soci e la cittadinanza

Giornata Mondiale della Poesia


books-1185628_1280

Lunedì 21 marzo, ore 17.30, Sala della Gran Guardia

La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo seguente. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace.

La celebrazione della Giornata Mondiale della Poesia rappresenta “l’incontro tra le diverse forme della creatività, affrontando le sfide che la comunicazione e la cultura attraversano in questi anni”, spiega Giovanni Puglisi, Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco. “Tra le diverse forme di espressione, infatti, ogni società umana guarda all’antichissimo statuto dell’arte poetica come ad un luogo fondante della memoria, base di tutte le altre forme della creatività letteraria ed artistica”.

È proprio per questo che la Società Dante Alighieri Comitato di Rovigo, intende dare proprio tale messaggio, presentando testi poetici di vari Paesi, letti da corsisti che frequentano i nostri corsi PLIDA (progetto lingua italiana Dante Alighieri).